La denuncia fatta nelle scorse ore dalla Filt-Cgil riguardo la situazione di insicurezza alla stazione ferroviaria di Bergamo, che mette a rischio l’incolumità del personale delle ferrovie e dei passeggeri, ci rimanda all’esigenza di aumentare l’organico della PolFer e a quella di mettere in atto tutti gli strumenti utili a costituire una barriera all’accesso della stazione stessa.

La specialità della Polizia di Stato si occupa di presidiare in tutta Italia di circa 9 mila treni e circa 2500 stazioni ferroviarie. Negli ultimi anni quelle più frequentate come Milano, Torino e Roma sono state dotate di tornelli e barriere all’ingresso dei binari che (oltre a facilitare i controlli del regolare possesso dei titoli di viaggio) innalzano il livello di sicurezza dei passeggeri e di chi lavora a bordo dei treni.

E’ necessario che questo tipo di strutture siano installate al più presto anche alla stazione di Bergamo, un impegno che negli scorsi mesi era stato annunciato dall’assessore regionale alla sicurezza Riccardo De Corato, e riguardo al quale attendiamo di conoscere al più presto tempi e modalità. Si tratterebbe certamente di una misura importante, che andrebbe a valorizzare anche l’impegno che le forze dell’ordine di Bergamo, insieme al Comune (attraverso la Polizia Locale), stanno portando avanti con il presidio di 7 giorni su 7 in particolare di piazzale Marconi, oltre che con gli interventi periodici effettuati lungo i binari.

Per quanto riguarda il personale, invece, la legge di bilancio dello scorso anno nel piano pluriennale aveva previsto per il comparto sicurezza le risorse necessarie per garantire un graduale ampliamento dell’organico pari a circa 7500 unità. Si tratta di un impegno che viene garantito anche nella legge di bilancio 2019 in fase di discussione, la quale contiene risorse aggiuntive per procedere ad un rafforzamento di pari entità.

Mi auguro che una parte di questo futuro contingente del comparto possa riguardare le specialità impegnate nelle stazioni ferroviarie – come quella di Bergamo – che vengono considerati periferiche e che invece hanno la necessità di ricevere maggiore attenzione.

Condividi...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone