Fa particolarmente piacere vedere il nome di Giuseppe Remuzzi, che in particolare a Bergamo conosciamo per gli alti meriti scientifici dimostrati sul campo, nell’elenco dei 30 membri non di diritto del nuovo Consiglio Superiore di Sanità. Evidentemente, dopo le dimissioni che lo stesso aveva rassegnato dall’Istituto Superiore di Sanità a dicembre, la sua esperienza e la competenza dell’Istituto M. Negri che dirige sono state giudicate dalla ministra Giulia Grillo troppo preziose per essere lasciate fuori dal Css, che ha un ruolo consultivo importante sulle politiche strategiche del Ministero della Salute.
A Remuzzi e a tutti i nuovi membri del Consiglio i miei più sentiti auguri di operare nell’interesse del nostro Sistema Sanitario Nazionale e di contribuire a diffondere la cultura scientifica rifuggendo da terapie che nulla hanno a che fare con la scienza.
Alla ministra Grillo l’invito a tenere sempre alta la considerazione nei confronti della competenza dei suoi membri, e più in generale nei confronti del ruolo che la scienza deve avere nell’orientare le politiche sanitarie. Cosa che, purtroppo, fino ad oggi non sempre abbiamo potuto osservare.
Condividi...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone